Imu, Tasi e Tari: attenzione alle scadenze del mese di dicembre

Ci siamo: gran parte degli Italiani sono chiamati a versare entro il prossimo 16 dicembre 2016 il saldo di alcune imposte comunali, stiamo parlando di Imu, Tasi e Tari.

0
447

Ci siamo: gran parte degli Italiani sono chiamati a versare entro il prossimo 16 dicembre 2016 il saldo di alcune imposte comunali, stiamo parlando di Imu, Tasi e Tari. Non tutti però dovranno pagare, continuate a leggere per capire chi dovrà farlo e chi invece potrà dormire sonni tranquilli.

Cominciamo con la Tari, la tassa sui rifiuti, che è dovuta da chiunque sia detentore a qualunque titolo di un immobile. Non soltanto dunque il proprietario, ma anche il semplice affittuario. La scadenza della Tari è diversa da comune a comune, ma nel mese di dicembre dovrebbe essere prevista l’ultima rata da pagare.

Diversa la situazione per Imu e Tasi che non sono dovute per i proprietari della prima casa usata come propria abitazione. Le suddette imposte verranno invece pagate da chi dispone di un secondo immobile ad uso abitativo o di un qualunque immobile ad uso non abitativo. Nessun pagamento è invece dovuto per gli affittuari o i comodatari.