Chioggia (Venezia): con ago incandescente sciolgono tumore in 10 minuti

L'intervento è durato pochissimi minuti ed ha permesso di sciogliere il tumore utilizzando una tecnica considerata poco invasiva che ha permesso di evitare l'anestesia totale

0
548

Un piccolo ago incandescente, è questo l’oggetto utilizzato da un’equipe dell’ospedale di Chioggia, in provincia di Venezia, per far sciogliere un metastasi al fegato della grandezza di 3,3 centimetri. Un’operazione innovativa, eseguita per la prima volta a Chioggia, che permetterà in futuro di operare i pazienti evitando anche l’anestesia totale.

L’operazione è stata effettuata ieri mattina e, visto l’eccezionalità dell’evento, l’equipe medica ha deciso di invitare anche i giornalisti ad assistere all’operazione. Il paziente aveva 65 anni ed è stato operato senza l’ausilio dell’anestesia totale, inoltre non sono stati realizzati nemmeno tagli sul paziente.

Dopo l’anestesia locale, è stato praticato un piccolo foro dal quale è stato introdotta un’antenna che ha permesso di arrivare alla massa del tumore presente all’interno del fegato. Una volta individuato il punto, è stato introdotto un ago incandescente che, in soli 10 minuti, ha sciolto la massa tumorale. Un’intervento quindi poco invasivo, ma molto funzionale.

Subito dopo l’operazione, al paziente è stato applicato un piccolo cerotto per coprire il foro realizzato per l’introduzione dell’ago. L’uomo non ha sentito dolore ed è stato portato in reparto, già in serata ha potuto far ritorno a casa. L’operazione è stata effettuata dal dottore Mario Della Loggia ed è perfettamente riuscita.

Dopo l’intervento, il dottore ci ha tenuto a precisare che questo tipo di operazione può essere effettuata per curare le neoplasie in diverse parti del corpo quali fegato, tiroide, reni e polmoni ed è utilizzabile quando le condizioni lo permettono. Un’innovazione dunque che, si spera, possa presto essere utilizzabile anche in tanti altri ospedali in Italia.